Dove mangiareGourmet

Arriva ISi Bistrot Genova Concept a Cargnano

Nuova apertura: In collaborazione con Isotta Alzona, Ivano Ricchebono annuncia quella che sarà un’immancabile meta gastronomica che lo vede protagonista.

C’è chi lo conosce per la trasmissione “È sempre Mezzogiorno”, chi quando è a Genova non può fare a meno di passare a gustare le sue prelibatezze nel centralissimo The Cook. E da ottobre ci sarà una nuova occasione per approfondire la sua idea cucina e la sua filosofia gastronomica: durante il torneo Aon Open Challenger a Valletta Cambiaso di questo settembre, Ivano Ricchebono ha infatti annunciato il nuovo progetto, l’ISi Bistrot Genova Concept Ivano Ricchebono.

Il desiderio che anima il progetto è quello di proporre dei piatti della tradizione non solo genovese, ma anche mediterranea. “I clienti a cui mi rivolgo sono vari e, di conseguenza, la proposta economica sarà diversa. La mia intenzione, infatti, è di creare un luogo vissuto a 360 gradi dal pubblico genovese e non solo. Un ritrovo intimo e raccolto per una città che continua a crescere anche dal punto di vista gastronomico”. E questo spiega anche la particolare scelta del luogo che conferma l’indissolubile legame con il capoluogo, condiviso per altro da colei che sviluppa insieme a Ivano il progetto del bistrot, Isotta Alzona. Nata a Genova si occupa dell’arte del ricevere, tradizione di famiglia che fa nascere Gemi Piccoli Grandi Eventi, società di banqueting e catering di cui è titolare con la sorella Ilaria.

La coordinazione tra Ivano e Isotta darà vita a una realtà ben bilanciata: abilità in cucina e mentalità imprenditoriale si combinano in una formula vincente. Perché se da una parte lo chef è una sicurezza ai fornelli, dall’altra l’esperienza di lei nel mondo del catering e banqueting le permette di mettersi in gioco in una nuova sfida facendo tesoro di tutti gli anni passati a organizzare grandi eventi. L’auspicio è quello di “intraprendere una nuova avventura in uno scrigno prezioso e informale come quello di ISi Bistrot, per una raffinata evoluzione della Belle Époque… profumo di pesto”, come afferma Isotta stessa.

Non solo un semplice bistrot, ma un luogo di cultura del cibo, quella sempre difesa e portata avanti nei tanti anni di lavoro come cuoco: “Spero che questa nuova apertura possa diventare punto di riferimento per la città. Abbiamo in programma di invitare e organizzare cene a più mani con chef di diversa provenienza geografica: perché niente come la propria visione può essere arricchita da quella di un collega che ha cuore i tuoi stessi valori”. Saranno tante le sorprese, a partire dalla carta dei vini che privilegerà etichette genovesi e liguri, stringendo l’occhio anche a quelle nazionali e francesi.

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy