Dove mangiareGourmet

Nuove aperture – Febbraio 2023

Dopo mesi di blocchi e restrizioni commerciali dovuti alla pandemia, la consumazione in loco nel nostro Paese prova a riprendersi, con un numero totale di nuove aperture in crescita tra il 2020 e il 2022.

Ad oggi, secondo il Global Outlet Index by NielsenIQ , si contano in Italia più di 328 mila bar, ristoranti ed altri locali (come per esempio hotel e spazi ricreativi). Il numero di locali è cresciuto soprattutto nel centro e nel sud Italia, regioni dove si è registrato un +4% (dal 2020 ad oggi) e che si collocano davanti sia al nord-ovest (+2%) sia al nord-est (+1%). Abbiamo deciso quindi di provare a dare conto di questo fermento di idee e di attività segnalando ogni mese le nuove aperture più significative.

Wagamama, prossima fermata Milano Garibaldi

Wagamama, tra i più apprezzati brand di cucina panasiatica, è lieto di annunciare l’apertura del suo decimo ristorante in Italia, fissata per il primo marzo 2023. Il nuovo locale fa parte dell’attesa Food Hall nella stazione di Milano Porta Garibaldi, realizzata in partnership con Altagares Italia (Gruppo Altarea), società titolare dei diritti di sfruttamento commerciale e pubblicitario della stazione, secondo scalo meneghino e importantissimo snodo tra l’Alta Velocità, i trasporti urbani e regionali della Lombardia. Una calda porzione di ramen, teppanyaki grigliati alla perfezione, donburi di carne e verdure, gyoza, noodles, il profumo del curry che avvolge diverse portate, il menù wagamama presenta più di 50 piattiun viaggio gastronomico e sensoriale dove i sapori orientali incontrano la semplicità, l’attenzione a un pasto fresco e nutriente.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/wagamama-prossima-fermata-milano-garibaldi

Brucio arriva anche a Testaccio

Dopo soli 8 mesi dalla prima apertura, la pizzeria di Piazza delle Coppelle Brucio apre il suo secondo indirizzo, questa volta a Testaccio. Solo otto mesi fa la prima apertura di Brucio nel centro di Roma, in Piazza delle Coppelle, dove ha preso vita uno spazio in cui la pizza incontra la cucina ricercata. Un concept che ha subito conquistato tutti al punto da “costringere” Brucio a farsi in due, esattamente in Via degli Stradivari, in zona Testaccio. Un progetto nato da Antonio Scorzafava che ha coinvolto, nella parte operativa del locale, gli amici e soci Alessandro Nanni e Giorgio Vergari, oltre ad aver puntato sull’esperienza e sul talento di Giorgio Faga, cuoco, e Alessandro Avato, pizzaiolo.
“In pochissimo tempo ci siamo resi conto che le sere in cui non avevamo altra scelta che mandar via fino a 100 persone si facevano sempre più frequenti. È per questo motivo che nasce il secondo spazio di Brucio, questa volta fuori dal centro. Così da accontentare tutti i nostri clienti, senza riserve” spiega Antonio Scorzafava.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/brucio-arriva-anche-a-testaccio

Rivoire apre a Milano

Lo storico caffè di Piazza della Signoria a Firenze annuncia tre nuovi locali che porteranno in ambiente meneghino le sue celebri specialità e le originalissime suggestioni di un ambiente unico. Il flagship store, la prima delle tre aperture, inaugurerà in Piazza Formentini a Brera entro Pasqua. Di recente ha festeggiato in grande stile i suoi 150 anni, oggi Rivoire® sta realizzando concretamente l’ambizioso progetto di esportare anche fuori dalla storica sede di Firenze le sue delizie di gusto e gli incanti delle sue atmosfere uniche.
Ha infatti annunciato l’apertura di tre nuove sedi a Milano, di cui la prima, un flagship store, prevede l’inaugurazione in tempo per la prossima Pasqua in Piazza Formentini, zona Brera, uno dei cuori chic della città. In realtà farà di più: Carmine Rotondaro, attuale proprietario e artefice della rinascita della sede di Firenze, ha ideato un concept per i nuovi locali che offrirà ai clienti un’esperienza inaspettata, una vera e propria immersione nel mondo Rivoire® guidata non solo dal palato.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/rivoire-apre-a-milano

Tako raddoppia e arriva a Ostiense

Tako arriva fino a Ostiense, per portare sushi gourmet nel tempio del “Fly like a Butterfly”. Uno spazio che ti farà sentire nel paese delle meraviglie. Linda Lu e Marco Xie, sono una coppia di ristoratori ma prima di tutto sono marito e moglie uniti da una grande passione per il sushi. Lei, in Italia da quando era poco più che una bambina, si è avvicinata al mondo della ristorazione nel 2016 dando avvio, insieme a suo marito, ad uno spazio in cui cucina classica cinese, fusion, giapponese e teppanyaki si fondevano nell’ex Wild ginger in zona Ostiense. Dopo solo 3 anni, nel 2019, la seconda apertura ma di solo sushi in chiave gourmet. È nato così Tako in zona Nomentana/Talenti. Un’insegna dove la vivacità dei colori anima i rolls fino a toccare le pareti, il tutto in uno stile “Kawaii” ovvero cute, dal cibo al design fino a quella che è una vera e propria mascotte – Tako – il polipetto onnipresente nelle sale e sulle felpe dei cinque sushi man.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/tako-raddoppia-e-arriva-a-ostiense

Nodo arriva a Piazza delle Coppelle nel centro di Roma

Un nuovo salotto del food&drink prende forma nel cuore della capitale: Nodo, il bar manager Maurizio Musu, propone cocktail di carattere che giocano con i sapori, esaltano i sensi e ben si abbinano alla selezione internazionale di tapas dello chef Francesco Giovannelli. Nodo è l’acronimo di Non-Ordinary Drinks Organization, il cocktail bar in piazza delle Coppelle nato con l’obiettivo di diventare un nuovo punto di riferimento del buon bere a Roma. Odori, aromi, sentori: tutto si gioca su quelle sensazioni olfattive e gustative che non devono per forza accordarsi, anzi. un gioco di inganni che punta ad avere dei drink che danno un input al naso, mentre in bocca la bevanda risponde diversamente. Come spiega il bar manager Maurizio Musu: “Ci piace spiazzare il nostro pubblico, giocando con le contraddizioni e le dicotomie di sapori”. Ad esaltare il tutto la proposta food ideata dallo chef Francesco Giovannelli, una gustosa selezione di quindici tapas dal respiro internazionale.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/nodo-arriva-a-piazza-delle-coppelle-nel-centro-di-roma

L’universo gastronomico dei Costardi Bros approda a Torino

La città di Torino saluta l’anno con l’apertura di due insegne del gusto, nate all’interno del progetto Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo: Caffè San Carlo e Scatto. Realtà differenti per stile e ambientazione ma entrambe animate dalla guida estrosa e sapiente dei Costardi Bros, protagonisti di questa imponente rinascita culturale ed enogastronomica di piazza San Carlo. Situati all’interno dello spazio museale della banca, sono destinati a diventare un punto di riferimento per gli abitanti della città, per i visitatori del museo e per i turisti che vorranno addentrarsi nella scoperta della capitale sabauda. Caffè San Carlo, caffetteria e bistrot, ha riaperto i battenti a dicembre 2022, a duecento anni dalla sua nascita: una celebrazione della storicità del luogo, punto di incontro che evoca le atmosfere passate e al contempo l’attuale e frizzante fermento che anima la città.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/l-universo-gastronomico-dei-costardi-bros-approda-a-torino

Manco: 4 Chef e 1 Ostessa in cerca del Lazio contemporaneo

Manco è il nuovo spazio contemporaneo che vuole sorprendere con la tradizione della cucina laziale. Manco Ristorante nasce pochi mesi fa, in un preludio d’estate, da 4 giovanissimi chef e 1 sogno che li ha sempre accomunati: aprire un ristorante tutto loro. Sono i fratelli Marco e Lorenzo Di PaoloDerscariu Cosmin Edoardo Ceccacci. Tutti giovanissimi ma con le idee chiare. Fanno nascere così uno spazio in cui la tradizione laziale trova una sua chiave contemporanea che parte dal quartiere e raggiunge tutta Roma. È invece di adesso l’arrivo di una nuova guida tutta al femminile. Il gruppo infatti si è affidato alla collaborazione di Anastasia Paris, anche lei under 30 e con esperienze in cucina dall’Italia fino all’altra parte del mondo, a Melbourne, in Australia.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/manco-4-chef-e-1-ostessa-in-cerca-del-lazio-contemporaneo

Il Ristorante Sadler trasloca in Brera

Dopo 16 anni, il ristorante stellato dello Chef Claudio Sadler lascia la storica sede di Via Ascanio Sforza per spostarsi al nuovo Hotel Casa Baglioni Milan. Novità in “casa” – è il caso di dirlo  –  Sadler: dopo 16 anni, il Ristorante Sadler di via Ascanio Sforza 77 cambia sede e si trasferisce nel cuore di Milano, nell’Hotel Casa Baglioni Milan, il nuovo gioiello della Collection Baglioni Hotels & Resorts. Situato in una delle vie più belle di Brera – via dell’Annunciata, 14 –  in un palazzo liberty del 1913 che ospita Casa Baglioni, il nuovo Ristorante Sadler, con una stella Michelin, conterà 36 coperti e offrirà un percorso enogastronomico alla scoperta di sapori che uniscono modernità, innovazione e tradizione, attraverso proposte che vanno dalla colazione à la carte, al light lunch fino alla cena con menù gourmet stellato.

Approfondisci qui: https://www.doctorwine.it/gourmet/dove-mangiare/il-ristorante-sadler-trasloca-in-brera

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy