DegustazioniVini per tutte le tasche

Lugana per tutti

Vigne sul Garda nel comprensorio del Lugana

Il Lugana è il vino bianco del Garda che fa della piacevolezza di beva la sua atout. La leggera aromaticità è dovuta al vitigno Turbiana (Trebbiano di Lugana) che ne è l’anima.

Ci è già capitato più volte di parlare di Lugana, il bianco del Lago di Garda, per intenderci, che viene cioè prodotto sulla sponda meridionale del Lago, sia in territorio veneto che lombardo. Una denominazione interregionale, quindi, che vede giustamente un territorio unico, caratterizzato da terreni e microclima simili.

La vera differenza è data dai rapporti quantitativi: la parte lombarda della denominazione vede una predominanza in fatto di estensione, sia perché in provincia di Brescia si trovano ben quattro su cinque dei comuni interessati (Desenzano, Sirmione, Pozzolengo e Lonato) sia per la superficie vitata (ben 1.948 ettari degli oltre 2.000 attuali). Di contro la parte veneta, che annovera il solo comune di Peschiera del Garda, detiene il primato del volume commerciale, visto che il 60% dell’imbottigliato è gestito da produttori veronesi.

Per par condicio, quindi, vi presentiamo un produttore lombardo e uno veneto. Anche se c’è un trucco: entrambi hanno i vigneti a Desenzano sul Garda, in Lombardia.

Il Podere Selva Capuzza ha 30 ettari vitati, condotti da Luca Formentini, tra Doc bianche e rosse, vini fermi e spumanti del lago di Garda. Dai vigneti e dalla cantina si gode la vista della torre di San Martino della Battaglia, monumento che lascia un ricordo indelebile della storia passata di questo territorio. La famiglia Formentini offre visite e degustazioni guidate ma anche ristorazione e alloggi in Cascina Capuzza, luogo dove la quiete regna sovrana.

Grande e famosa azienda veneta che esiste da più di un secolo, la Tommasi Viticoltori produce una vasta serie di etichette dedicate sia ai vini Doc veronesi, cui sono dedicati 90 ettari di vigneti, sia i Doc della Valpolicella Classica, dove la famiglia possiede 105 ettari. Gli investimenti nel comprensorio del Lugana, in comune di Desenzano, hanno portato i Tommasi all’acquisto di 45 ettari, ora vitati, e prevedono anche una struttura dedicata all’ospitalità e all’enoturismo. 

Con l’ingresso della quarta generazione dal 1997, infatti, la famiglia Tommasi ha iniziato una serie di investimenti anche fuori dal Veneto: nell’Oltrepò Pavese in Lombardia, a Montalcino e in Maremma in Toscana, a Manduria in Puglia, nel Vulture in Basilicata e adesso sull’Etna.

PER LEGGERE LE DESCRIZIONI DEI VINI, CON IL PUNTEGGIO E IL PREZZO MEDIO A SCAFFALE, CLICCA SULLE SCHEDE SOTTOSTANTI.

DEGUSTAZIONI

PRODUTTORI

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy