EditorialeFirmato DoctorWine

Luciano Sandrone, un ricordo

I vini di Luciano Sandrone rispecchiavano il suo carattere mite, l’uomo gentile e sorridente che era, la persona che non voleva insegnare nulla, ma solo fare vini che dessero conto della loro origine, con una tecnica pulita e precisa.

Un altro vecchio amico che se n’è andato. Luciano Sandrone era un uomo riservato e che stesse male non lo sapeva nessuno, quindi la sua scomparsa è stata qualcosa di inaspettato e se possibile di ancora più triste.

Lo conoscevo dal 1982, me lo presentarono Carlo Petrini e Gigi Piumatti che a quell’epoca si occupavano della distribuzione dei suoi vini, e quelli di Elio Altare e di Bartolo Mascarello, per conto della Cooperativa I Tarocchi dalla quale nacquero in seguito prima Arci Gola e poi Slow Food. Pensate che il mio primo incontro con Carlin fu all’esterno dell’enoteca Cavour 313, mentre scaricava proprio i vini di Sandrone dal furgone che aveva guidato da Bra a Roma per trasportarli. Li assaggiammo, con Andrea Gabbrielli che all’epoca era fra i titolari dell’enoteca, trovando strepitoso il Dolcetto dell’81, che in breve divenne uno dei vini di riferimento per quell’enoteca.

Poi lui era a Barolo e iniziava a fare Barolo, con le tecniche innovative tipiche del gruppo dei cosiddetti Barolo Boys. Gli altri, Clerico, Altare, Rivetti, in particolare, dicevano di lui che non sbagliava mai, che i suoi vini erano perfetti. Aveva in particolare un vigneto, quello di Cannubi Boschis, e dalla vendemmia del 1984, che non fu granché ma che lui interpretò in modo sorprendente, cominciò a metterne in etichetta il nome, creando un cru destinato a divenire leggendario.

La versione del 1989 fu straordinaria. Ne scrissero i maggiori critici internazionali, Parker la santificò, e anche noi sulla guida Gambero Rosso/Slow Food la premiammo e la commentammo con parole molto sentite. D’altra parte i vini di Luciano rispecchiavano il suo carattere mite, l’uomo gentile e sorridente che era, la persona che non voleva insegnare nulla, ma solo fare vini che dessero conto della loro origine, con una tecnica pulita e precisa. Le caratteristiche dei vini dei Cannubi, tra i più equilibrati nell’universo barolista, erano perfette per lui.

Era qualche anno che non lo vedevo, l’ultima volta fu a un Vinitaly pre pandemico e mi spiegò che dal 2013 aveva tolto dal Barolo il nome del vigneto per dedicarlo ai nipoti Alessia, Luciano e Stefano, da cui l’acronimo Aleste che mantiene tuttora. Restava un vino magnifico, equilibrato ed elegante, sorridente, proprio come era lui. Ciao Luciano.

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy