Le Aziende InformanoPot-Pourri

Duca Enrico 2019: il primo Nero d’Avola imbottigliato in Sicilia celebra 35 vendemmie

Un progetto che ha radici profonde e racconta di una Sicilia in movimento.

Siciliana Doc, Duca di Salaparuta si avvicina al bicentenario presentando la trentacinquesima vendemmia del suo vino più iconico, Duca Enrico. Un vino che incarna le due anime di questa Cantina, lo spirito innovativo e il legame con la terra di Sicilia e con la propria storia, e che si traduce in questo progetto di continuità enologica affascinante.

Duca Enrico nel 1984 è stato il primo, personale tributo di Duca di Salaparuta al Nero d’Avola, il vitigno che con la sua ruvida fierezza ha portato l’eccezionalità della viticultura isolana nel mondo. In un momento in cui non si riconosceva ancora il potenziale di questa varietà, Duca di Salaparuta decise di vinificare per la prima volta il Nero d’Avola in purezza, inaugurando una nuova era dell’enologia siciliana. Nasce così Duca Enrico, frutto del desiderio di creare un grande rosso siciliano capace di affiancarsi alle più alte espressioni dell’enologia internazionale.

Una scommessa, che ha voluto esaltare i punti di forza del Nero d’Avola attraverso la scelta del territorio più vocato della Sicilia centro orientale, ad una selezione di areali puntuali e alla competenza enologica di Duca di Salaparuta, che ha visto la condivisione del progetto con enologi di indiscusso talento. Da Franco Giacosa, a Giacomo Tachis, fino ad arrivare all’attuale guida di Barbara Tamburini.

Duca Enrico Sicilia Doc 2019 è dunque la nuova pagina di una storia ricca che ha vissuto continue evoluzioni e ha raccontato molte anime. Creato con le uve della Tenuta di Suor Marchesa a Riesi, nelle campagne della Sicilia centro-orientale, dove meno di cinque ettari di Nero d’Avola, allevati con l’antico sistema siciliano dell’alberello, donano i caratteri da sempre distintivi di Duca Enricoeleganza, forza, complessità e longevità.

In questi terreni collinari, bianchi, a prevalenza calcarea, il sole caldo e la buona ventilazione offrono le migliori condizioni agronomiche a questo vitigno per potersi esprimere, regalando vini eccezionali, raffinati, appaganti al palato e sontuosi nei profumi, come Duca Enrico.

La vendemmia 2019

La vendemmia è stata caratterizzata da un inverno freddo e una primavera molto fresca, con numerose precipitazioni. In generale si è assistito ad un ritardo delle diverse fasi fenologiche della vite di circa dieci giorni rispetto alla media degli ultimi anni. Le piogge di fine estate (a inizio settembre) hanno contribuito al proseguimento regolare della maturazione delle uve, che ha portato la raccolta alla terza settimana di settembre.

Caratteristiche organolettiche

Nero d’Avola in purezza, racconta della terra di Sicilia e delle persone che hanno contribuito a questo progetto, da sempre proiettato verso il futuro, con l’eleganza e la complessità che lo contraddistinguono. Sferzante, armonioso, fresco, Duca Enrico continua a rivoluzionare i canoni del vitigno regalando un palato morbido e ritmato, che viene anticipato da profumi di piccoli frutti rossi e note speziate in evoluzione, con una grande potenzialità di crescita.

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy