DegustazioniTerritori e vini

Il Santo Graal del Moscato d’Asti

Siamo abituati a pensare che il Moscato d’Asti sia un vino incapace di raggiungere grandi complessità, insomma, un vino che trova la sua ragion d’essere nella semplicità e immediatezza. Niente di più sbagliato, basta stappare il Vite Vecchia di Ca’ d’Gal per ricredersi.

Se vi va di assaggiare il più grande Moscato d’Asti di tutti i tempi e vi va anche di spendere un bel po’ di euro, quasi 50 per la cronaca, assaggiate questo vino. Lo produce una cantina leggendaria di Santo Stefano Belbo, che insieme a Canelli è la capitale del Moscato d’Asti.

Il proprietario di chiama Alessandro Boido ed è decisamente un visionario, perché ha pensato di produrre un vino straordinario con una varietà con la quale per anni si fece il vino che si vinceva al tiro a segno dei luna park. Mi vengono in mente Bela Bartok e George Gershwin, che da canti e musiche popolari hanno fatto dei capolavori.

Qui la cosa è analoga, anche se al posto di un brano musicale c’è una bottiglia di vino. Indimenticabile peraltro.

PRODOTTI CORRELATI

PRODUTTORI

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy