DegustazioniIn giro per cantine

La modernità di Col di Lamo di Montalcino

L’azienda di Giovanna Neri punta su un’immagine giovane, femminile e moderna e offre una stilistica dei vini molto convincente.

Giovanna Neri, scintillante proprietaria di Col di Lamo, è un avvocato che ha deciso, qualche lustro fa, di dedicarsi alla sua passione; produrre vino sulle orme di suo padre anche lui imprenditore con una grande passione per l’agricoltura. L’inizio è cauto: poche bottiglie, una cantina ben organizzata ma piuttosto angusta e una bambina da crescere. Con determinazione e costanza Giovanna ha inseguito e colto molti degli obbiettivi che si era prefissata. Ora l’azienda si estende per circa 80 ettari con 6 ettari di Brunello di Montalcino, 1,5 dedicati al Rosso di Montalcino e altri 2 ettari dedicati a vari vitigni sia autoctoni che alloctoni per fare “esperienze diverse”.

La cantina, facilmente raggiungibile dalla via Cassia, è lineare, bella, coloratissima ed efficiente. Al suo interno botti e tonneau, fermentini di media grandezza e un set di macchinari che sono in continua evoluzione, “non bisogna fare il passo più lungo della gamba” afferma Giovanna con grande umiltà e coscienza. La conduzione dei vigneti è biologica certificata e i vigneti vendemmiati e vinificati singolarmente. Sono dedicati ai singoli vini, un atteggiamento che ci piace molto e che permette all’azienda di avere una confortante continuità sui prodotti.

Possiamo affermare che con le ultime annate presentate Giovanna ha raggiunto una maturità tecnica e stilistica molto convincente, producendo vini molto territoriali. Siamo nel versante nord orientale di Montalcino dove i vini sono eleganti e di grande bevibilità, con gli equilibri delicati e mai muscolari. Trent’anni fa si diceva terre da Rosso di Montalcino; ora con i cambiamenti climatici e le tecniche agronomiche moderne non è più così, anzi, si sono molto rivalutati in ottica Brunello.

Nella ultima visita abbiamo degustato i prodotti della maturità artistica di Giovanna: il Brunello di Montalcino 2018 in anteprima, il Brunello selezione Diletta 2016, il Brunello Riserva 2016 e il Rosso 2020. Per leggerne la descrizione, cliccate sui nomi dei vini.

DEGUSTAZIONI

PRODUTTORI

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy