DegustazioniIn giro per cantine

Marco Lazzaroni, rugbista vignaiolo

Terre Lazzaroni, Marco Lazzaroni rugbysta e Uva Friulano

Marco Lazzaroni da piccolo voleva fare lo chef, ma poi ha studiato al liceo scientifico e oggi è un giocatore professionista di Rugby. Nel tempo libero cosa fa? Il vignaiolo ovviamente!

Marco Lazzaroni
Marco Lazzaroni

Che un personaggio impegnato come Marco possa avere del tempo libero ha dell’incredibile. È più probabile che il tempo sappia organizzarlo piuttosto bene. Specialmente se parliamo di viticoltura e di dinamiche che dipendono fortemente dal meteo. Da bravo sportivo disciplinato e devoto alla sua carriera da rugbista professionista, tra una mischia e l’altra, nel 2021 fa nascere ufficialmente un nuovo progetto a lungo termine. In termini di vendemmia e in via del tutto sperimentale si trovano delle bottiglie già dall’annata 2015. 

Siamo nei Colli Orientali del Friuli dove Marco, affiancato da papà Pietro, getta le basi per il suo futuro. Un futuro da vignaiolo, certamente, ma anche da oste. Perché i progetti di Marco sono davvero tanti e soprattutto concreti. Ma andiamo con ordine. 

Il progetto e i vini

Diventato giocatore professionista di rugby per la squadra Benetton, accantona momentaneamente la sua passione per la cucina. Nel frattempo individua i 5 ettari di proprietà che sarebbero diventati quelli di Terre Lazzaroni. Ad oggi produttivi per la metà, sono piantati a Friulano, ovviamente, Merlot, Refosco dal Peduncolo Rosso e Chardonnay (per quest’ultimo la prima vendemmia sarà la 2024). 

Terre Lazzaroni, vendemmia all'alba
Terre Lazzaroni, vendemmia all’alba

Giovane, alto, forte, sportivissimo lascia trasparire sensibilità e gentilezza. Perché bisogna essere sensibili per approcciare la viticoltura e dare forma a un vino. Presentatomi da un altrettanto giovane (e di buone speranze) enologo, Francesco Mazzetto (magari di lui parleremo un’altra volta), oggi Marco produce due etichette. Il Barabba Friuli Colli Orientali, oggi nel millesimo 2021 a tiratura limitata di 1280 bottiglie. Friulano 100% riposa in barrique usate per 10 mesi. E Cagliostro Friuli Colli Orientali da Merlot con un 10% di Refosco. 2080 bottiglie e 24 mesi di riposo in barrique.  

Cosa bolle in pentola

In attesa di vendemmiare per la prima volta lo Chardonnay, in cantina i lavori proseguono. Si definiscono sia i locali da lavoro che la zona per l’accoglienza. Progetti entrambi ambiziosi ma destinati a durare nel tempo. La zona accoglienza in particolare andrà a soddisfare un sogno custodito momentaneamente in un cassetto. Predisposta per la degustazione ma anche per ospitare momenti di abbinamento cibo-vino con show cooking. Ospitare chef e regalare agli ospiti un’esperienza unica e di lusso in abbinamento ai vini della tenuta è tra gli obiettivi di Marco. Vista la sua storica passione per la cucina, oltre che per il vino. E visto il progetto work in progress ho pensato di fargli qualche domanda proprio su questo. 

Cosa cucinerebbe in abbinamento al suo Friulano Barabba? 

Secondo Marco con l’abbinamento regionale non si sbaglia. Frico, salame e cipolle oppure perché un primo piatto. Un tagliolino con Crudo di San Daniele sarebbe egregiamente bilanciato nella sapidità dal gusto fresco e agrumato di Barabba. 

Terre Lazzaroni, i due vini
Terre Lazzaroni, i due vini

Cosa proporrebbe invece con il rosso? 

Cagliostro chiama sicuramente la selvaggina. Un cinghiale a lenta cottura e in umido, perché no accompagnato da una polenta rustica. Ma, colpo di scena, non è male nemmeno con la cucina speziata tipo un riso thai e verdure. Ciliegina sulla torta, alla richiesta di un altro abbinamento vegetariano, Marco ha sfoderato un classico ever green. Provare per credere, questo blend di Merlot e Refosco sposa molto bene la Parmigiana di Melanzane. 

Questo giovane produttore ha le idee chiare e la testa giusta per vedere presto realizzati i suoi sogni. Per il futuro Marco non vede l’ora di veder celebrare nella sua nuova cantina il connubio cibo e vino. In attesa dei prossimi sviluppi, io mi bevo Barabba 2021 e alzo il calice alla sua salute, ovviamente!

PER LEGGERE LE DESCRIZIONI DEI VINI, CON IL PUNTEGGIO E IL PREZZO MEDIO A SCAFFALE, CLICCA SULLE SCHEDE SOTTOSTANTI.

DEGUSTAZIONI

PRODUTTORI

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy