DegustazioniVini per tutte le tasche

Le eccezioni del Chianti

Quella del Chianti è una denominazione troppo grande per riuscire a creare categorie di prodotto omogenee e riconoscibili da parte dei consumatori. Con piacere vi proponiamo due Chianti pisani (una Riserva e un Superiore) che si staccano dal mare magnum delle proposte indifferenziate che si trovano sugli scaffali dei supermercati e parlano di qualità.

Quella dei produttori di Chianti è una vita difficile. Non più di una settimana fa è arrivata una dichiarazione del Consorzio Vino Chianti che annunciava una riduzione delle rese pari al 10% per far fronte al calo di vendite e all’aumento dei costi. “Si è reso necessario – dichiarava il presidente del Consorzio Giovanni Busi – diminuire la produzione per non far aumentare il vino accumulato nei magazzini. La fotografia attuale è questa e parla di un -14% di vendite nel 2022 rispetto al 2021 per cui dobbiamo prendere le giuste contromisure. Se parliamo del rapporto prezzi-costi si nota un pesante squilibrio a causa dell’inflazione. È vero che i prezzi sono aumentati mediamente del 4-6%, ma è altrettanto vero che i costi sono aumentati molto di più: si va dall’incremento del prezzo del gasolio per i trattori passando per i concimi. Tutto questo per le nostre aziende rappresenta una grande difficoltà. In pratica non abbiamo vissuto un anno ‘normale’ dal 2017: l’allarme suona da tempo per tutto il settore”.

Perché è chiaro che se le vendite calano è imperativo non far aumentare le giacenze.

Per fortuna esistono aziende chiantigiane che pur essendo legate alla denominazione non soffrono se non in misura marginale di questi problemi, e questo è dovuto soprattutto all’alta qualità dei vini che propongono. Parliamo di due aziende situate sulle Colline Pisane, Badia di Morrona, a Tericciola, e Fattoria Uccelliera, a Crespina.

Badia di Morrona è un’azienda di notevole dimensione e bellezza (in totale circa 550 ettari, di cui un centinaio vitati e una quarantina a uliveto), ubicata tra Pisa e Volterra, con all’interno l’antico complesso prima benedettino e poi camaldolese. Filippo Gaslini Alberti è alla guida dell’azienda e rispetto alla gestione di suo padre si vede una migliore definizione del frutto nei vini, complice una maggiore attenzione in vigna e l’ultimazione della cantina. Completato anche il moderno frantoio, che aggiunge un ulteriore tassello a una produzione di qualità.

Sempre sulle colline pisane, a cavallo dei Comuni di Fauglia e Lorenzana, la Fattoria Uccelliera si estende complessivamente su 240 ettari, di cui 15 vitati e 6 a uliveto; il resto è caratterizzato da boschi ad alto fusto e terre a seminativo. Frutto del lavoro di Antonio Bulleri e Maria Elena Poggianti dal 1960, l’azienda beneficia del lavoro di tutta la famiglia, con la seconda generazione al lavoro, Tiziana front woman, e il prossimo ingresso della terza generazione. Accanto a vino e olio extravergine, si producono miele, prodotti con tartufo, liquori. Non manca l’attività agrituristica, cui sono stati dedicati diversi casali all’interno della proprietà.

PRODOTTI CORRELATI

PRODUTTORI

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy