EditorialeFirmato DoctorWine

Le tre fiere del vino

Le tre fiere europee del vino

Wine Paris & Vinexpo Paris, Prowein e Vinitaly nell’arco di due mesi. Sono troppe tre fiere del vino in Europa? È presto per dirlo, ma non sembra che Vinitaly, la fiera italiana, sia messa in discussione. Noi vi aspettiamo al padiglione 10 - C2.

Wine Paris & Vinexpo Paris c’è stata dal 10 al 12 febbraio. ProWein a Düsseldorf è appena finita il 12 marzo. Vinitaly a Verona ci sarà a metà aprile. Tre fiere internazionali sul vino solo in Europa e molti produttori cominciano a domandarsi se non siano troppe. 

Di certo il trasferimento di Vinexpo da Bordeaux a Parigi ha migliorato in modo evidente l’efficacia di quella fiera. La capitale francese è facilmente raggiungibile da tutto il mondo, la ricezione alberghiera è adeguata, la logistica è stata ottima. Risultato: grande successo e l’ingresso in pompa magna nel novero delle grandi manifestazioni mondiali, dopo qualche edizione così così. Persino la partecipazione italiana, in genere non enorme, è stata nettamente superiore al passato. 

Prowein forse ha un po’ sofferto l’escalation francese. Düsseldorf è meno raggiungibile, i costi degli alberghi sono alti, c’è stato meno pubblico che in passato, anche se, ricordiamolo, si tratta di una fiera dedicata al trade e quindi va valutata sul giro d’affari che produce e non sul numero dei visitatori. 

Per Vinitaly a Verona c’è molta attesa. È la fiera del vino italiano per eccellenza, sarà dal 14 al 17 aprile e la misura del suo successo sarà determinata proprio dall’interesse degli operatori internazionali e italiani a questo specifico settore. Sarà, insomma, la misura di quanto il comparto vitivinicolo soprattutto italiano saprà reagire a un rallentamento al quale stiamo assistendo per diversi motivi. Inflazione, guerre, post pandemia in particolare, ma anche annate complicate dal punto di vista climatico, come in diverse regioni la 2023. 

Verona è migliorata negli anni come organizzazione logistica. È una città dalla vocazione anche fieristica e riesce meglio che in passato ad assorbire le decine di migliaia di operatori e di espositori che la raggiungeranno. Sono aspetti concreti che qualche volta vengono sottovalutati nelle analisi di questi argomenti, ma che hanno, secondo me, un’importanza enorme.

Noi di DoctorWine, come forse sapete già, ci saremo. Al padiglione 10, C2. Lo stand si chiamerà Vinitaly Tasting – the DoctorWine Selection, come ormai da anni, a sancire una partnership consolidata con l’Ente Fiera. Organizzeremo seminari, ci saranno sessanta vini a disposizione dei visitatori negli erogatori sotto azoto. Tutti italiani. Ovviamente ci auguriamo il successo della manifestazione e di vedere anche tanti nostri lettori venire a trovarci. 

Vi aspettiamo, insomma.

Che ne pensi di questo articolo?

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy