DegustazioniLa verticale

Il Noir di Tenuta Mazzolino

Siamo in Oltrepò Pavese, la Tenuta Mazzolino apre le porte della villa appena restaurata e festeggia con una verticale i 40 anni del suo vino di punta, il Noir, Pinot Nero in purezza.

L’Oltrepò Pavese è un territorio bellissimo e, con i suoi 3.200 ettari vitati a Pinot Nero, è la zona europea con la maggiore estensione per questo vitigno, escludendo ovviamente la Francia. Viene coltivato dall’Ottocento e sfruttato nella sua ecletticità per ottenere vini fermi, frizzanti, spumanti metodo classico e metodo Martinotti, o rossi fermi sia in versione giovanile in acciaio che da invecchiamento elevati in legno. Forse è proprio questa abbondanza di possibilità che fa perdere un po’ il focus sul vino.

La Tenuta Mazzolino e il Pinot Nero

Non è questo il caso della Tenuta Mazzolino, acquistata a fine anni Settanta dal banchiere Enrico Braggiotti, nonno degli attuali proprietari, che si è focalizzata da subito sul Pinot Nero con cloni francesi. Grazie anche a illuminanti cene con gli amici Gino Veronelli e Giacomo Bologna, il focus è stato un grande rosso, il Noir. Prima annata ufficiale 1985 ma le prime bottiglie risalgono all’82. “Costava 28mila lire e tutti gli davano del matto –  racconta la nipote Francesca -. Ma il nonno era franco-levantino e la moglie parigina, il suo riferimento era la Borgogna”.

Francesca Seralvo, alla guida della Tenuta Mazzolino

Francesca Seralvo, già avvocato, è quella che, tra 12 nipoti, è stata scelta proprio dal nonno per guidare l’azienda, di cui si era occupata sua madre Sandra fin dal 1995. La tenuta si trova a Corvino San Quirico su quella che localmente era nota come “la collina del Pinot Nero”, suoli argillosi, dalle forti pendenze, con vene calcareo-gessose; 20 ettari vitati (più uno impiantato lo scorso anno) che circondano la villa padronale. Una costruzione ottocentesca che è stata completamente restaurata durante il lock down per permettere le riunioni di questa famiglia così numerosa, “Come ai tempi del nonno”, chiosa Francesca che, alla scomparsa del nonno nel 2019, ha rilevato l’azienda insieme ai suoi genitori.

La barricaia di Tenuta Mazzolino, costruita nella cantina ottocentesca

Proprio nella cantina ottocentesca nel 2002 è stata costruita la barricaia, con ampliamenti che non ne hanno snaturato la struttura. Barrique di Remond da 228 litri, stile borgognone.

La storia del Noir

Fondamentale, nella storia del Noir, l’incontro nel 1998 tra nonno Enrico e Kiriakos Kynigopoulos, un giovane enologo greco che viveva e lavorava a Beaune e di cui il nonno aveva letto” racconta Francesca. Erano anni in cui si ragionava della nuova Borgogna e le idee di Kiriakos convincono Enrico, che lo persuade a collaborare con l’azienda. La sua consulenza fu determinante per definire quello stile così borgognone che caratterizza il Noir.

Stefano Malchiodi, enologo e agronomo della Tenuta Mazzolino

Dal 2016, Francesca ha scelto a lavorare con sé Stefano Malchiodi, enologo e agronomo, al quale è affidata la direzione aziendale. Una figura che, affiancando Francesca, ha continuato la strada tracciata da Kynigopoulos, grazie anche a frequenti viaggi in Borgogna e scambi con produttori locali.

Il Noir proviene da una vigna di meno di 2 ettari di una sessantina d’anni, ripiantata negli anni con grande continuità nei cloni, di provenienza francese. Rese bassissime, sui 45 quintali per ettaro. La raccolta dell’uva è in cassette, la pigiatrice è stata abolita: dopo la diraspatura l’acino intero va a cascata nei vasi acciaio, a 4°C per 7-9 giorni per non fare partire la fermentazione, è un’infusione più che un’estrazione. La fermentazione avviene a temperature tenute basse (24-25°) per la minima estrazione possibile. La maturazione è per 12 mesi in legni nuovi al 20%.

Una verticale per i 40 anni

Per i 40 anni del vino di punta dell’azienda, è stata organizzata una verticale di 9 annate, di alcune ne restano veramente poche bottiglie. Per leggere le schede, cliccare sul nome del vino.

PER LEGGERE LE DESCRIZIONI DEI VINI, CON IL PUNTEGGIO E IL PREZZO MEDIO A SCAFFALE, CLICCA SULLE SCHEDE SOTTOSTANTI.

DEGUSTAZIONI

PRODUTTORI

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento ed il miglioramento dell’esperienza utente e non fa uso di cookie di profilazione. Proseguendo nella navigazione o accettando la presente informativa, presti il consenso all’utilizzo dei cookie tecnici.

Clicca qui per leggere la nostra Cookie Policy